Strage del viadotto Acqualonga, la sentenza del processo assolve Autostrade per l’Italia

Giovanni Castellucci, Amministratore delegato di Autostrade per l'Italia, è stato assolto nel processo di primo grado per la strage avvenuta sul viadotto Acqualonga.

Strage del bus sul viadotto Acqualonga
Nell'incidente del viadotto di Acqualonga morirono 40 persone

Giovanni Castellucci, Amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, è stato assolto nel processo in primo grado sulla strage del bus in Campania. Il disastro del mezzo, che nel 28 luglio 2013 cadde dal viadotto Acqualonga, sull’Autostrada A16, provocò la morte di quaranta persone. Le accuse sono state formulate dalla Procura di Avellino e riguardano la richiesta di condanna commutata dieci anni di reclusione. La medesima era stata indirizzata anche agli altri dirigenti di Autostrade per l’Italia e ad alcuni dipendenti. La sentenza è giunta oggi al Tribunale di Avellino.

Strage del bus, assolto Castellucci in primo grado

Dopo la lettura della sentenza, da parte del giudice monocratico, è esplosa la rabbia dei parenti delle vittime che hanno gridato «Venduti, infami». Sono state diverse le proteste per l’assoluzione dell’Ad di Autostrade. «Castellucci è un assassino – hanno ripetuto i familiari delle persone decedute – state mettendo fuori un assassino». Le grida dei parenti hanno ripetuto più volte il numero “83” che corrisponde alla somma delle vittime della strage di Monteforte Irpino con quella del crollo del Ponte Morandi a Genova.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.