‘Ndrangheta, 12 fermi contro affiliati di Scalise e Mezzatesta

Operazione contro le due cosche contrapposte della 'Ndrangheta, Scalise e Mezzatesta. 12 fermi in provincia di Catanzaro.

Operazione
Operazione "Spaghetti Connection"

12 fermi contro affiliati a due cosche contrapposte della ‘Ndrangheta, gli Scalise ed i Mezzatesta. Sono stati i Carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro e Reparti speciali ed eseguire i fermi nella provincia ed in alcune località del nord, nell’ambito dell’operazione denominata Reventinum. Il provvedimento è stato emesso dalla Dda catanzarese guidata da Nicola Gratteri.

Alcuni tra gli indagati sono accusati anche di violenza privata e del sequestro dell’avvocato Francesco Pagliuso, ucciso in un agguato il 9 agosto 2016 a Lamezia Terme.

Il sequestro di Pagliuso

Il sequestro di Francesco Pagliuso sarebbe avvenuto 2 anni prima del delitto, per il quale è stato arrestato nel 2018 Marco Gallo. L’uomo è ritenuto dall’accusa un sicario a pagamento. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Pagliuso sarebbe stato ucciso per una vendetta trasversale. In particolare sarebbe stato punito per la sua vicinanza a Domenico Mezzatesta. La vicenda riguardava l’ex vigile urbano che insieme al figlio Giovanni aveva ucciso, nel 2013 in un bar di Decollatura, Giovanni Vescio e Francesco Iannazzo, ritenuti vicini alla famiglia Scalise.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.