Emergenza immigrazione in Italia, l’Ue pronta a venirci incontro sui ricollocamenti

"Il Commissario Avramopulos è disposto a incontrare il Governo italiano per discutere di misure supplementari che possano essere prese per regolare il problema dei ricollocamenti al livello europeo dei migranti".

Emergenza immigrazione in Italia, l'Ue pronta a venirci incontro
Emergenza immigrazione in Italia, l'Ue pronta a venirci incontro

Emergenza immigrazione in Italia, l’Unione europea si è dichiarata disponibile a venirci incontro sui ricollocamenti. “Il Commissario Avramopulos è disposto a incontrare il Governo italiano per discutere di misure supplementari che possano essere prese per regolare il problema dei ricollocamenti al livello europeo dei migranti”. Lo ha affermato una portavoce della Commissione europea, che poi ha aggiunto “la Commissione europea è sollevata dopo che si è trovata una soluzione per Malta” sui casi delle navi SeaWatch, “accordo trovato ieri a seguito degli sforzi di coordinamento avviate dal commissario Avramopoulos“.

Sulla questione della SeaWatch erano arrivate anche le dichiarazioni di Salvini. “Nessuna lezione da Malta, che per anni ha chiuso gli occhi e ha permesso che barchini e barconi si dirigessero verso l’Italia. La musica è cambiata, in Italia si arriva solo col permesso. Abbiamo già accolto anche troppo, che gli altri si sveglino. #portichiusi!”.

Chiese evangeliche pronte per l’accoglienza

In Italia arriveranno poco più di dieci persone dei dei migranti della Sea Watch e Sea Eye. Lo conferma la Federazione delle Chiese Evangeliche. “Tutto è pronto per l’accoglienza. Abbiamo diverse strutture in grado di riceverli sia nel Nord Italia, in Piemonte, che a Scicli, in Sicilia, dove accogliamo famiglie e mamme con bambini. Andranno in strutture della Chiesa valdese e delle chiese evangeliche. Attendiamo di conoscerli, per ciascuno ci sarà un progetto personale”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.