Maltrattamenti all’asilo sui bambini: arrestate tre maestre e una collaboratrice

La vicenda si è verificata alle porte di Roma, nella zona dei Castelli Romani. Maltrattamenti ripertuti sui bambini e continue vessazioni quotidiane.

Maltrattato bimbo disabile
Maltrattato bimbo disabile (foto repertorio)

Tre maestre e una collaboratrice scolastica sono state arrestate dai carabinieri poiché ritenute responsabili di maltrattamenti su bambini. I piccoli, che vanno dai tre ai cinque anni, sono attualmente in un asilo dell’area dei Castelli Romani. La zona indicata si trova alle porte di Roma. Attualmente le quattro persone si trovano agli arresti domiciliari. Secondo quanto accertato dai Carabinieri di Velletri, le donne avrebbero strattonato i bambini, insultandoli e colpendoli alla testa. L’autorità giudiziaria ha seguito il caso per mezzo di intercettazioni ambientali e riprese video.

Maltrattamenti a bambini dai tre ai cinque anni

L’indagine è stata coordinata dalla Procura della Repubblica. Eseguita le ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti delle insegnanti e della collaboratrice scolastica. Le donne sono tutte comprese in un’età che va dai cinquantacinque ai sessantacinque anni. Gli accertamenti di vario genere hanno permesso di constatare i vari episodi di violenza. Le violenze, a cadenza quotidiana, sono state registrate e acquisite come materiale per incriminare le donne. Nel provvedimento giudiziario, notificato questa mattina, il Giudice per le indagini preliminari ha evidenziato un grave quadro di indizi nei confronti delle quattro persone. Sono tutte ritenute responsabili di condotte di sopraffazione, ripetute nel tempo, durante l’attività di lavoro.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.