Salvini denunciato dai pompieri: “Bloccate uso improprio della divisa”

Costantino Saporito, coordinatore nazionale Usb dei pompieri, ha scritto una lettera di denuncia indirizzata al Ministro.

Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini con la divisa dei pompieri
Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini con la divisa dei pompieri

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini è stato denunciato dalla sigla Usb dei Vigili del Fuoco per “porto abusivo di divisa”. Non è la prima volta che Salvini indossa pubblicamente le divise della Protezione Civile, della polizia o dei Vigili del fuoco. Questo abitudine non è andata però giù al coordinatore nazionale Usb dei pompieri, Costantino Saporito. Il sindacalista ha scritto una lettera di denuncia indirizzata al Ministro, al prefetto Bruno Frattasi capo del dipartimento dei vigili del fuoco e al responsabile dell’ufficio Garanzia dei diritti sindacali.

Articolo 498 del codice penale

La denuncia dell’Usb è legata all’articolo 498 del Codice Penale. “Chiunque abusivamente porta in pubblico la divisa o i segni distintivi di un ufficio o impiego pubblico, o di un corpo politico, amministrativo o giudiziario, ovvero di una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato va punito con una multa che varia da 154 euro a 929 euro”.

Per ovvi motivi, solo è veramente un poliziotto o un pompiere può indossare in pubblico divise complete di gradi e mostrine. Al contrario, se ciò fosse permesso anche ad altre figure, si formerebbe confusione nei cittadini.
“Onde evitare che si proseguano atteggiamenti lesivi all’immagine del ministero, bloccate immediatamente questo uso improprio che sta generando azioni estemporanee da parte di chi crede che tutto vale e la legge non vada rispettata”. C’è scritto nella lettera di Saporito.  “Oppure moltiplicate le apparizioni del sig. Ministro, in divisa, per il massimo della sanzione pecuniaria prevista. Ce ne sarebbe per tutto il comparto, per un congruo rinnovo del contratto”.
Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.