Marocchino a rischio radicalizzazione espulso a Rimini

L'uomo è irregolare in Italia da 22 anni, 10 dei quali passati in carcere. Avrebbe dovuto finire di scontare la sua pena solo ad aprile 2019 ma aveva da poco beneficiato di un provvedimento di scarcerazione anticipata.

Violenza all'alunno autistico, il prof. nega ogni addebito
Violenza all'alunno autistico, il prof. nega ogni addebito (foto repertorio)

Un ragazzo marocchino di 37 anni ritenuto a rischio radicalizzazione islamica è stato espulso dalla Questura di Rimini. L’uomo è stato accompagnato al Cie di Torino. Non regolare in Italia da 22 anni, 10 dei quali per altro passati in carcere, il 37enne era stato arrestato l’ultima volta nel 2011 a Milano. Tanti i capi di imputazione: furto, minacce, resistenza a pubblico ufficiale e spaccio. Tanti anche i carceri visitati, San Vittore, poi Parma e da luglio scorso a Rimini. Il 37enne era stato segnalato dalla polizia penitenziaria dei vari carceri come possibile soggetto a rischio radicalizzazione. Sono stati tenuti sotto controllo gli amici, i comportamenti, le abitudini religiose. Come è stato tenuto sotto controllo anche il suo “stato di supremazia” sugli altri detenuti.

L’uomo ha collezionato decine di denunce a piede libero accumulate in carcere per danneggiamento e atti di autolesionismo. Avrebbe dovuto finire di scontare la sua pena solo ad aprile 2019 ma aveva da poco beneficiato di un provvedimento di scarcerazione anticipata.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.