Bambino con la pistola canta a detenuto: il video diventa virale su Facebook

In un video diffuso su Facebook un bambino di 8-9 anni canta una canzone a un detenuto, impugnando una pistola in mano. Raggiunte oltre mille visualizzazioni.

Si sta diffondendo su Facebook il video di un bambino, fra gli 8 e i 10 anni, che con una pistola in mano canta, in napoletano, una canzone dedicata a un detenuto, tale Piero. Alla fine dell’esibizione, il minore alza la pistola in aria e spara un colpo. Non si sa chi sia il bambino e nemmeno se la pistola sia vera oppure no, ma di sicuro risulta un video di pessimo gusto che però sta ottenendo moltissimo successo sul social network.

Nel momento in cui stiamo scrivendo l’articolo risultano 1055 le condivisioni, 845 i commenti (di cui alcuni anche critici nei confronti del video) e più di 270 i like e le altre interazioni. Il tutto, ovviamente, senza che Facebook si sia accorto del contenuto del video.

Anche qualora fosse uno scherzo, infatti, sarebbe comunque grave diffondere il video di un bambino di 8 o 9 anni che, con una pistola in mano, canta a un detenuto. Sarebbe diseducativo sia nei confronti del bambino che si esibisce e di quelli che potrebbero vederlo e decidere di emularlo.

Inoltre un video di un bambino con la pistola che canta a un detenuto veicola dei messaggi sbagliati, di violenza, di uso delle armi e trasforma il criminale in un personaggio da imitare e rispettare, un po’ come a Carnevale alcuni genitori buontemponi hanno pensato di travestire i loro figli da camorristi o da personaggi della serie TV “Gomorra”.

Il sospetto, però, è che questo video non sia neanche soltanto uno scherzo di cattivo gusto, ma il vero massaggio di auguri di buon anno a qualche detenuto, visto che è stato pubblicato su Facebook il 1 gennaio 2019.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.