Bambini al parco sull’altalena per protestare contro la consigliera leghista, accade a Trento

Un video dei bambini delle elementari contro la consigliera leghista che parlava di disagio delle famiglie italiane nei parchi. “Portami via da chi mi dice che questo gioco non è per me”.

Aveva fatto discutere la dichiarazione di una consigliera leghista in merito agli stranieri che occupavano i parchi. “Gli stranieri occupano giochi e panchine al parco pubblico, che disagio per le famiglie italiane”, aveva dichiarato, Katia Rossato. La risposta è arrivata dagli stessi bambini con una canzone intitolata L’Altalena che è diventata virale su internet: “Portami via da chi mi dice che questo gioco non è per me”. La canzone ora a Trento è al centro di uno scontro politico. L’Assessore provinciale Mirko Bisesti della Lega parla di “grave strumentalizzazione dei bambini” a scopo politico e annuncia verifiche sul progetto avviato dalla scuola.

La canzone al centro della discordia

Dal centrosinistra non si è fatta attendere la risposta. “Chi non crede nell’uguaglianza dei diritti è razzista – ha replicato l’ex Assessore all’Istruzione Sara Ferrari, sconfitta alle ultime elezioni. “Non si può pretendere che ora diventi razzista anche la scuola”. Anche i consiglieri del M5s all’opposizione hanno attaccato l’Assessore. “Prometteva l’autonomia alle scuole e ora fa l’ispettore solo per difendere gli scivoloni dei membri della sua maggioranza”.

Intanto la canzone, facile da trovare anche su You Tube, è virale sui internet, dove il video dei bambini dell’Istituto Trento 6 è stato rilanciato da migliaia di persone come messaggio di auguri di Natale.

Anche la Preside è intervenuta: “Altro che strumentalizzazione dei bambini, qui siamo di fronte a una strumentalizzazione politica da cui vogliamo restare fuori. Quello che conta per noi è che una canzone dedicata ai diritti dei bambini (inserita in un progetto più ampio approvato da tutti gli organi scolastici, in cui sono rappresentati genitori e insegnanti) abbia ricevuto così tanto successo: che cosa potremmo volere di più? Peccato che gli insegnanti coinvolti dal progetto dopo l’intervento dell’assessore Bisesti ora si sentano davvero sotto pressione”.

La replica della Lega

La consigliera della Lega, Rossato, ha passato il Natale a cancellare messaggi di insulti dal proprio profilo Facebook. Si è difesa dichiarando che le sue parole non erano state rivolte ai bambini stranieri che giocano sulle altalene dai parchi pubblici, ma quagli stranieri adulti che, non sapendo dove andare, occupano i parchi disincentivando i bambini, tutti i bambini, ad andarci.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.