Coppia di pensionati sempre in crociera, erano corrieri della droga

I due, ultrasettantenni, riuscivano a evitare i controlli e arrivare a destinazione con le valigie piene di cocaina e marijuana.

Pensionati
Si fingevano semplici pensionati ma in realtà erano corrieri della droga.

Anche allo sguardo più accorto, sarebbero sembrati una semplice coppia felice di godersi la pensione viaggiando. Si sono invece rivelati corrieri di droga a livello internazionale. Sue e Roger Clarke, di 70 e 72 anni, arrivavano a fare anche sei crociere all’anno. I sospetti sono nati proprio a causa di qui numerosi viaggi che i due ultrasessantenni intraprendevano in giro per il mondo.

Le vacanze erano solo una copertura

Il tenore di vita troppo alto ha portato gli inquirenti a indagare sulla coppia, fino a scoprire che quelle vacanze da sogno erano solo una copertura. Nessuno avrebbe mai sospettato di due anziani. E così è stato finché l’ultima vacanza non è andata come si aspettavano. I due, infatti, sono stati trovati in possesso di nove chili di cocaina dagli agenti, che da tempo li tenevano sotto controllo. Gli inquirenti hanno ricostruito la vita della coppia di criminali. Nascondevano la droga all’interno delle valigie. Riuscivano così a passare ogni controllo con facilità e arrivavano a destinazione consegnando gli stupefacenti.

Facevano avanti e indietro tra il Regno Unito e la Spagna, spingendosi anche fino ai Caraibi. Prelevavano e consegnavano le sostanze stupefacenti, servendosi il più delle volte di complici locali, che servivano a fare in modo che la coppia non incappasse nei controlli.

Le vacanze ideali per i loro fini erano le crociere. Da tempo predilette per i pensionati. Le vacanze in crociera evitavano loro i controlli in cui probabilmente sarebbero incappati se avessero scelto di prendere un aereo.

 

 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.