Boscaiolo in nero buttato in un dirupo, morto un 28enne moldavo

Il giovane sarebbe morto per un incidente sul lavoro, il datore per simulare un incidente lo ha gettato in un dirupo.

Boscaiolo in nero buttato da un dirupo
Un boscaiolo di origini moldave è stato buttato da un dirupo dal datore di lavoro.

Ancora un morto causato per un incidente sul lavoro. Questa volta, tuttavia, la storia, già sentitata troppe volte, assume toni ancora più drammatici. Un giovane boscaiolo di 28 anni di origini moldave sarebbe stato buttato da un dirupo. Ha gettarlo il datore di lavoro, per farlo sembrare un incidente. E’ questa la conclusione a cui sono giunti i carabinieri di Primiero San Martino di Castrozza (Trento), chiamati a indagare sul caso del ragazzo moldavo trovato morto il 19 novembre scorso, in circostanze poco chiare, nei boschi di Sagron Mis.

L’incidente mortale

L’incidente mortale si sarebbe verificato in un luogo diverso da quello in cui è stato trovato il cadavere, secondo quanto ricostruito dai militari. Il titolare dell’azienda boschiva bellunese avrebbe ingaggiato ‘in nero’ il giovane moldavo. Durante alcune operazioni, però, l’operaio sarebbe stato colpito da un cavo di acciaio spezzato. L’imprenditore, a quel punto, senza verificare le condizioni del ragazzo, avrebbe deciso di trasportare il suo corpo esanime a  circa 600 metri di distanza e scaraventarki nei pressi di una scarpata per dissimulare l’accaduto.

Sarebbe stato lo stesso titolare della ditta a chiamare la guardia boschiva, affermando di aver casualmente trovato la salma del giovane. L’imprenditore bellunese è stato denunciato per omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e frode processuale.
Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.