Francesco Totti al Bambino Gesù: «Vi aiuterò nel costruire un nuovo ospedale»

Campione in campo e fuori. Francesco Totti ha visitato l'ospedale pediatrico Bambino Gesù a Roma. L'ex attaccante giallorosso ha promesso che aiuterà nella costruzione del nuovo ospedale.

Sanità: Totti Al Bambino Gesù, Vi Aiuterò A Costruire Nuovo Ospedale
Sanità: Totti Al Bambino Gesù, Vi Aiuterò A Costruire Nuovo Ospedale

All’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma è giunta la visita a sorpresa di Francesco Totti. L’ex capitano della Roma si è intrattenuto con i bambini in ludoteca per poi visitare alcuni reparti tra i quali Cardiologia, Medicina dello sport e Anestesia e rianimazione cardiochirurgica.

La promessa di Francesco Totti

L’incontro con i più piccoli è stato gioviale. «Mi ha fatto piacere stare qua oggi – dichiara Totti – e passare un po’ di tempo con i bambini, con i genitori, gli infermieri e i medici». Totti ha incontrato il presidente dell’ospedale, Mariella Enoc, e il direttore generale, Ruggero Parrotto. Un messaggio di speranza e una promessa importante per il campione del mondo 2006. «So che il prossimo anno il vostro ospedale compirà 150 anni di storia e so che avete grandi progetti per il futuro. In particolare state pensando all’ampliamento della sede di Palidoro e a una nuova sede a Villa Pamphilj. Mi piacerebbe far parte di questa storia e mi sento di sostenere e contribuire alla realizzazione del nuovo ospedale e continuare ad aiutare i bambini di Roma e di tutto il mondo che vengono a curarsi da voi».

Il presidente del Bambino Gesù ha ringraziato Totti, definendolo «un riferimento per tanti bambini e ragazzi. I nostri pazienti e le loro famiglie ti vogliono bene. Mi auguro che il tuo gesto possa essere di esempio e che la comunità del Bambino Gesù possa contare sull’aiuto di persone speciali come te».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.