Sardegna, la spiaggia di Stintino diventa a pagamento e a numero chiuso

La scelta nasce su input dell'amministrazione comunale per poter salvaguardare la bellezza del territorio

Stintino
Foto: Pixabay

Si avvicina l’estate e una delle tappe preferite da italiani e non solo sarà certamente la Sardegna, apprezzata non solo per la bellezza del mare, ma anche per la vita notturna, oltre che per i paesaggi artistici quali Nuraghi, Tombe dei Giganti e Pozzi Sacri.

Tra le località più amate c’è certamente la spiaggia di Stintino, situato in provincia di Sassari, e la sua spiaggia La Pelosa, che consente di godere di un paesaggio davvero mozzafiato. A partire dalla prossima estate non sarà possibile per tutti accedervi.

Un paradiso non per tutti

Fare una vacanza in un territorio piacevole e amato da tanti spesso comporta costi non indifferenti a partire dagli alberghi in cui si decide di alloggiare, ma nel caso di Stintino non ci si limiterà a questo. Chi deciderà di prendere il sole o trascorrere qualche momento di relax presso la spiaggia di La Pelosa potrà farlo a un costo di 3,50 euro a giornata. Ma sarà una possibilità concessa solo a 1.500 persone.

A prendere la decisione è stato il Consiglio comunale, deciso a monetizzare il più possibile ritenendo questa scelta un modo di valorizzare il territorio.

È infatti bene precisare come la mossa non sia da considerare come un modo per colpire i turisti, quanto per poter contare su un fondo da utilizzare per migliorare la zona: ” Non chiamatelo ticket – ha detto il primo cittadino -. Si tratterà di una tariffa da intendere come quota parte che dovrà essere pagata dai fruitori della spiaggia, per contribuire alle spese di manutenzione della stessa”. Tariffa che – ha anticipato il sindaco – “si potrebbe attestare intorno ai 3,50 euro a persona, con esclusione dei bambini sino ai 12 anni”