Plastica in mare: 18enne inventa il fluido che ripulisce l’acqua

Potrebbe essere la svolta per diminuire la plastica in mare grazie all'invenzione di un 18enne irlandese, premiato alla Google Science Fair

E’ di un 18enne l’invenzione in grado di eliminare la plastica in mare, e che gli è valsa il premio da 45.000 euro della Google Science Fair. L’invenzione rivoluzionaria presentata al festival scientifico che ogni anno raccoglie le invenzioni migliori degli studenti dai 13 ai 18 anni è un fluido. Un fluido magnetico che agisce attirando a sé le microplastiche presenti nell’acqua consentendo di ripulirla dall’inquinamento.

Un fluido per evitare l’inquinamento da plastica in mare

L’invenzione si deve ad un 18enne irlandese, Fion Ferreira, che ha presentato alla competizione il liquido che disciolto in acqua riesce a rendere più facile l’eliminazione delle microplastiche presenti in essa. E se l’invenzione è ancora da perfezionare, l’idea è vincente per garantire mari più puliti e gli è valsa il primo premio. Soprattutto, si tratta di un’idea realizzata con materiali semplici. Una mistura di olio e magnetite: se disciolta in acqua contaminata da alcuni tipi di microplastiche, si lega ad esse e permette di rimuoverle facilmente attraverso l’uso di un magnete.

I risultati dell’esperimento

L’esperimento ha preso in considerazione dieci tipi di microplastiche, e il fluido realizzato da Ferreira ha mostrato una capacità di raccolta delle microplastiche dell’85%. Come spiega Il Corriere della Sera, il fluido non potrà essere usato dierettamente per pulire gli oceani. Tuttavia, potrebbe essere usato nei centri di trattamento dell’acqua. Così diminuirebbe la plastica che dai fiumi si riversa poi in mare, andando ad agire a monte.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.