Isola di plastica nel Tirreno: numerose specie marine a rischio

Individuata un'enorme isola di plastica che sta galleggiando nel mal Tirreno. L'isola sta galleggiando adesso nel tratto di mare che separa la Corsica dall'Elba.

Isola di plastica nel Tirreno
Isola di plastica nel Tirreno

Individuata un’enorme isola di plastica che sta galleggiando nel mal Tirreno. L’isola sta galleggiando adesso nel tratto di mare che separa la Corsica dall’Elba. Questa discarica galleggiante, che minaccia pericolosamente le nostre coste, rischia seriamente di danneggiare molte specie animali, alcune anche a rischio estinzione. A lanciare l’allarme l’Institut français de recherche pour l’exploitation de la mer (Ifremer) di Bastia, Corsica.

Isola di plastica nel Tirreno

L’isola è formata da bicchieri di plastica, cannuccie, bottiglie, sacchetti cotton fioc e tanti altri rifiuti che possono essere ingeriti da qualche animale o diventare una vera e propria trappola mortale. Questa isola è solo l’ennesima prova di quanto siano inquinati i nostri mari. Poche settimane fa avevamo dato la notizia di quella femmina di capodoglio trovata spiaggiata a Porto Cervo. Dentro lo stomaco, l’esemplare, che tra l’altro era incita, aveva chili e chili di plastica. I capodogli si nutrono a grandi profondità, dimostrando che la situazione sia ancora peggio di quanto potremmo pensare.

Le discariche galleggianti come quella del Tirreno fanno molta paura agli ambientalisti. La plastica, trasportata dalle correnti, continua ad aggiungersi, formando isole sempre più grandi e sempre più pericolose. La più grande di queste si trova nell’Oceano Pacifico, ed è grande più o meno quanto la Spagna. Ora la minaccia però arriva anche in Italia. L’isola galleggiante può facilmente sterminare molte specie di pesci, arrivando poi sulle nostre tavole.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.